Il saluto ai bambini della classe 5@ Attivamente

Treviso, giugno 2020

Carissimi, siamo arrivati alla fine di questo percorso che è anche l’inizio, per voi, di un nuovo viaggio verso una nuova esperienza scolastica.

Ho conosciuto alcuni di voi quando eravate ancora alla scuola dell’infanzia e, quando vi guardo, mi ritornano in mente le immagini di quegli anatroccoli che camminavano, in fila,  dietro di me,  per andare a cercare e giocare con l’apina.

In questi anni siete cresciuti, ed altri si sono uniti al gruppo.  Lasciatemelo dire: siete dei bambini fantastici. Tutti. Ciascuno in modo diverso, ciascuno con le proprie peculiarità ed i suoi doni.

Vi invito ad affrontare con determinazione e coraggio il nuovo percorso. Non fermatevi mai, nemmeno quando incontrerete delle difficoltà. Non perdete mai la curiosità e la voglia di imparare. Non lasciatevi prendere dallo scoraggiamento se qualche interrogazione o qualche verifica non andrà come avreste voluto. Capita a tutti, è capitato anche a me. E non diventate schiavi del “voto”. Ricordatevi che il “voto” è solo un numero, voi siete molto di più. E chi vi conosce sa che siete unici. Vi sarà chiesto di impegnarvi e studiare. Fatelo per voi, non per il voto, non per gli insegnanti, solo per voi,  per la vostra formazione e la vostra crescita. Fatelo perché la conoscenza è il tesoro più grande del mondo, ed è un tesoro che, una volta acquisito, nessuno vi potrà mai rubare. E non smettete mai di sognare e nemmeno di giocare. Neanche quando qualcuno vi dirà che non è cosa per grandi.

Mi piace dedicare ai miei alunni che volano verso le medie una frase presa in prestito dal libro Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach:  “Ciascuno di noi è, in verità, un’immagine del grande gabbiano, un’infinita idea di libertà, senza limiti.“. Un libro che, se non avete ancora letto, vi consiglio di leggere. In sintesi: non accontentatevi mai del minimo, non arrendetevi mai,  sognate e puntate in alto.

Se fossimo stati in classe avrei voluto salutarvi abbracciandovi tutti,  ad uno ad uno, ma questa storia del coronavirus ci ha presi alla sprovvista.

Allora vi abbraccio tutti in modo virtuale. Con tanto, tanto, affetto.  Buona Strada

Maestro Fabio

Translate »